Per tutta la serie di motivi elencati, bisogna far praticare attività fisica, possibilmente a livello agonistico , fin dalla tenera età. Nei bambini il ruolo educativo dello sport può fare tanto, plasmarli per renderli uomini e donne migliori, dai principi e valori positivi forti e sani. Osservatorio / Ma quanto ci manchi, Maestro Roberto! La prima forma di attività fisica (si può parlare di sport?) La pratica sportiva insegna il valore del sacrificio e della rinuncia per la passione dello Sport. Gli appunti dalle medie, alle superiori e l'università sul motore di ricerca appunti di Skuola.net. deve essere il centro dei valori umani, la famiglia è la “casa” dei valori umani, perché è da lì che essi nascono, sbocciano, fioriscono e portano il giovane alle alte vette di questo tipo di cultura; i Genitori. Condizione della donna (ieri, oggi e domani), Straight out of crisis: le storie più commoventi dei giocatori NBA, Italia out: bisogna considerare le giovani promesse. 1. buon esempio e di “Fair-play” e dovrebbero convogliare i loro sforzi verso il soggetto e non essere divergenti. Ma la definizione che più mi piace è quella di San Tommaso: “Promotio hominis in quantum omo”, …… l’Educazione è lo sviluppo dell’uomo in quanto uomo. Ai tempi degli antichi greci (che lo praticavano) e i romani (che lo guardavano), lo sport cominciò a diventare un pilastro della cultura di una civiltà. Il valore educativo dello sport. devono essere sempre e in ogni occasione il “buon esempio” per i loro figli, in tutti gli ambiti. Lo sport unisce non solo chi lo pratica, ma anche i tifosi che esultando per la vittoria di una squadra o di un campione si possono conoscere, e hanno la possibilità di rafforzare legami di amicizia. Da piccoli lo sport è vissuto come un gioco a tutti gli effetti, un modo per socializzare, per imparare ad ascoltare, ad osservare le regole e ad avere rispetto per i compagni. Un ulteriore aspetto su cui soffermarsi è la capacità di vivere in un gruppo. , il “buon esempio” deve venire dagli Insegnanti. Lo sport ha delle regole ed è fondamentale che siano etiche ed apprese nel modo migliore e in questo senso, l’Educazione Sportiva diventa uno strumento di Educazione Civica. Direttore responsabile Vincenzo Martucci, Continuando la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. si svolsero in Grecia nella città di Olimpia (dal 776 a.C. n seguito si aggiunsero i lanci del disco e del giavellotto, il salto in lungo (in realtà, una serie di, mediante queste discipline si celebrava l’eccellenza dei singoli individui e il vincitore delle Olimpiadi veniva considerato, è il luogo stesso a rivelarci di avere in, ualcosa che percepiamo subito e che lega con un filo sottile un passato tanto illustre e glori, apparente inconciliabilità delle diverse epoche, “non possiamo non dirci Greci”, perché è allora che è cominciato tutto (o quasi) quell’insieme di valori civili, , lo sport cominciò a diventare un pilastro della. I Dirigenti devono “dirigere”, devono fornire consigli, indicazioni corrette. L’Insegnante deve far riscoprire i valori dello sport, deve essere un “modello” per i suoi allievi, un provocatore di “vocazioni sportive”, un ideale per loro. Per evitare questo grave pericolo, ci vuole una forte. Iscriviti! Il mondo che ci circonda, però, può indurci a pensare che il valore dello sport si misuri nel prevalere nei confronti degli altri. La parola Educazione viene dal latino “educere” che vuol dire “trarre fuori”, ma se dall’etimologia passiamo al significato reale o contenutistico eo finalistico, le voci suonano variamente secondo che provengano da sociologi, psicologi, moralisti o metafisici. Il mondo dello sport ha bisogno di Educatori veri. Lo sport, oltre alla visione che ha di gioco competitivo, andrebbe visto non solo come attività motoria finalizzata al benessere ed alla salute della persona, ma anche e soprattutto come strumento per la promozione del valore educativo che oggi troppo spesso vediamo trascurato.. Cerchiamo di vivere bene e con serenità: solo in questo modo daremo un buon esempio ai giovani, che saranno i cittadini del domani e i custodi di questi valori! Le Agenzie Educative che devono promuovere una corretta cultura sportiva e insegnare ai giovani una corretta etica di comportamento sono: Ogni Famiglia deve essere il centro dei valori umani, la famiglia è la “casa” dei valori umani, perché è da lì che essi nascono, sbocciano, fioriscono e portano il giovane alle alte vette di questo tipo di cultura; i Genitori devono essere sempre e in ogni occasione il “buon esempio” per i loro figli, in tutti gli ambiti. sportivi che dovrebbero caratterizzare lo sport. risale ai tempi dell’uomo primitivo, che nelle caverne rappresentava con pitture e graffiti la caccia, la corsa, il salto, il lancio, la lotta che facevano pensare all’attività fisica per cacciare o sfuggire ai predatori. , l’Educazione Fisica in U.S.A. che risentì dell’influsso europeo e gli sport più diffusi il criket, il canottaggio, il baseball, il football americano, il nuoto, l’atletica leggera, le Università e in Italia….. con Filangeri, Cuoco, Genovesi, Young, Obermann, Baumann, Mosso, De Sanctis, Monti, la G.I.L., l’Opera Nazionale Balilla, il Fascismo, Gentile, Zauli e………..il C.O.N.I., ma questa è storia d’oggi! Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Con questa citazione di Andre Kirk Agassi, noi alunni della classe 3C dell’indirizzo grafica e comunicazione del Tallini di Formia ci sentiamo in dovere di parlare di un argomento che ha purtroppo molto a che fare con il mondo dello sport: il doping. Con il ritorno allo studio dei classici e dell’amore all’antichità, si ritorna all’antica concezione dell’Educazione Fisica come elemento di sviluppo armonico dell’uomo. M S O A CHE GIOCO GIOCHIAMO? Gli appunti dalle medie, alle superiori e l'università sul motore di ricerca appunti di Skuola.net. 6 Capitolo 1 Il valore educativo dello sport Il primo passo di una ricerca empirica è costituito dalla definizione del tema, del problema e dell’obiettivo di ricerca grazie ai quali è possibile costruire il quadro teorico di riferimento. Quando l’attività fisica è diventata agonistica? Alle soglie del XVII secolo Tommaso Campanella. Nel programma educativo di Pietro Paolo Vergerio si parla di esercizi fisici (scherma, equitazione, salto, corsa, pugilato e di armi), poi Vittorino da Feltre con “la Casa gioiosa”, Leon Battista Alberti con gli esercizi virili per i giovani. a livello fisico ma aiuta il bambino ad apprendere valori come l’amicizia, la solidarietà, il lavoro di squadra e … D. Andrea Molteni Bibbia. Nel programma educativo di Pietro Paolo Vergerio si parla di esercizi fisici (scherma, equitazione, salto, corsa, pugilato e di armi), poi Vittorino da Feltre con “la Casa gioiosa”, Leon Battista Alberti con gli esercizi virili per i giovani. Le grandi firme di 45 Olimpiadi, 8 mondiali di calcio, 86 tornei del Grande Slam, 13 Tour de France, 43 giri d’Italia, 20 GP di Formula 1, 31 Mondiali di Atletica leggera, 100 campionati Mondiali ed Europei di nuoto, ginnastica, scherma, judo, e tanti altri sport. Lo sport e il principio dello sviluppo sostenibile Garantire e migliorare, da una generazione all’altra, il benessere fisico, sociale e mentale della popolazione esige che le attività fisico-sportive, ivi comprese quelle praticate in ambiente urbano, rurale o acquatico, siano adeguate alle Ecco perché. Ricordiamoci che l’agonismo è insito in ciascuno di noi, sin dalla nascita, basta educarlo e convogliarlo in giusti canali, è un elemento insopprimibile della pratica sportiva, basta non trasformarlo in antagonismo. assunse carattere agonistico solo a partire dal 1800 a. C. , che contemplavano gare di corsa, salto, lancio e altre attività con carri e cavalli. “La cultura sportiva è l’insieme delle esperienze e delle sensazioni maturate con il passare del tempo in ambito sportivo e l’etica è il saper vivere e applicare tutto ciò in modo corretto”. Poi magari, andando oltre con la mente, vi viene spontaneo mettere in relazione la parola sport… L’idea di svolgere una ricerca nel mondo dello sport nasce da esperienze personali e professionali che mi hanno portato ad osservare lo sport da un punto di vista particolare: quello dei genitori. Moltissimi sono gli esempi che si verificano tutti i giorni nei campi di gioco, nelle palestre, nelle manifestazioni sportive. E LO SPORT - Un europeo su tre pratica regolarmente un’attività fisica, esistono più di 600.000 club sportivi nel territorio comunitario ed il 62% degli europei è favorevole ad un esplicito riferimento nella Costituzione Europea riguardo la dimensione sociale, educativa e culturale dello sport. Per motivazione si intende la spinta ad agire, mettendo in atto dei comportamenti orientati verso uno scopo. Il valore educativo dal punto di vista dei campioni In diversi appuntamenti gestiti da associazioni culturali, si sono succeduti molti campioni che si sono pronunciati sullo sport , non dal punto di vista dei loro successi, ma da quello etico e sociale che esso può diffondere in chi lo pratica e chi lo segue. Anche la fatica, fatta per un fine è educativa. L’Educazione e il buon esempio nello sport esistono ancora, basta farli conoscere a tutti attraverso i mass media. Già nelle civiltà pre-classiche (Cina, Egitto, India, Persia,……) si praticavano attività fisiche e sportive come la lotta, la ginnastica, il pugilato, il nuoto, il canottaggio, la pesca, l’atletica, la danza e i giochi con la palla. Le origini dello sport sono riconducibili anche al periodo del Medioevo, dove da un semplice allenamento di guerra per i soldati, le diverse attività (la cavalleria, le giostre, la scherma, i duelli, la caccia al falcone, etc. L’Educazione sportiva, la cultura sportiva, l’etica, il fair-play e il buon esempio non nascono da soli, devono essere educati e sviluppati da persone con buon senso, competenti ed equilibrate. Europa: Rabelais, Montaigne, Elyot, Vives,……il valore educativo della corsa, del nuoto, l’equitazione, la caccia, la lotta, i giochi con la palla, i salti, i lanci, le marce,……. Ruolo educativo dello sport. Proprio a questo periodo possiamo assegnare le origini della parola “sport” che deriva dal latino e che stava a significare “allontanarsi”, uscire dalla città per andare a competere e gareggiare in un’altra città. E’ un concetto travisato di sport. E LO SPORT Un europeo su tre pratica regolarmente un’attività fisica, esistono più di 600.000 club sportivi nel territorio comunitario ed il 62% degli europei è favorevole ad un esplicito riferimento nella Costituzione Europea riguardo la dimensione sociale, educativa e culturale dello sport. È un collante che unisce popoli e razze, lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfare, la difficoltà per vincerla. Nei dintorni del rugby con Vanni Zagnoli. sono diventate discipline aperte a tutti, in cui ci si poteva sfidare. Il valore educativo dello sport, per esempio, è un aspetto importantissimo soprattutto per quanto riguarda i bambini.. Oggi, infatti, anche nella scuola si cerca di includere sempre più l’attività sportiva nelle materie di studio già a partire dalla scuola primaria. per determinare un superiore convincimento, verso gli addetti ai lavori (giocatori, dirigenti, Istruttori, Allenatori, arbitri), che impedisca una crescente diffusione di queste poco corrette abitudini. Leggi gli appunti su il-valore-educativo-dello-sport-testo-argomentativo qui. Il gioco di squadra è educativo perché vediamo nell’altro colui che ci può aiutare o essere aiutato. L’etica è tutto ed è formata da quattro D: Questa, secondo me, è la formula del successo, che vale in tutte le fasi della vita e non solo nello sport. Confrontarsi con il successo o l’insuccesso, inevitabili nello sport così come nella vita comune, è difficile, ma può diventare più semplice se si impara a farlo da piccoli, attraverso il gioco e lo sport. Per tutti i giovani “L’importante non è vincere ma partecipare. dimenticavo l’ultima Olimpiade antiche risale al 393 e la prima Olimpiade moderna è datata 1896, quanto tempo è passato e l’anno prossimo si celebrerà l’Olimpiade di Tokyo! Il potere educativo dello sport Download: 3893 Cat: Educazione Fisica Materie: Tesina Dim: 15 kb Pag: 7 Data: 13.10.2008 Tema sullo sport, suoi suoi valori e sui suoi problemi: ecco la guida con gli spunti e i suggerimenti per scrivere un testo o un saggio breve Per evitare questo grave pericolo, ci vuole una forte “campagna di Educazione” per determinare un superiore convincimento, verso gli addetti ai lavori (giocatori, dirigenti, Istruttori, Allenatori, arbitri), che impedisca una crescente diffusione di queste poco corrette abitudini. THE CREATIVE ZONE P.ssa Raffaella Zocche 14 febbraio 2018 CHE COS'E' IL GIOCO Il gioco è un'attività scelta liberamente a cui ci si dedica per svago. Forse state pensando agli sport che seguite, che vi appassionano, di cui siete tifosi. Lo sport è una questione di buona educazione e di cultura, la cultura etica è la vera arma di cui dispone lo sport: un potenziale di valori, principi, emozioni, che se espressi possono migliorare la qualità della vita non solo di chi pratica attività sportiva, ma anche di chi la segue o la tifa. Ma la definizione che più mi piace è quella di San Tommaso: “Promotio hominis in quantum omo”, …… l’Educazione è lo sviluppo dell’uomo in quanto uomo. Secondo Durkheim l’Educazione è una tecnica della socializzazione, secondo Joly è l’insieme degli sforzi che hanno lo scopo di dare a una persona il possesso completo e il buon uso delle sue facoltà, secondo Hebart è il mezzo per attuare nell’uomo la molteplicità degli interessi, secondo Kant è il mezzo che permette all’individuo di sviluppare tutta la sua perfezione, per altri l’Educazione non può prescindere dalla finale destinazione dell’uomo, ossia dalle esigenze assolute del suo destino soprannaturale. Ad majora! Lo sport è considerato dai giovani una delle ruote più importanti dello sviluppo della vita; svolge un ruolo importantissimo nella formazione, nello sviluppo e nell’educazione, per molti è un opportunità con cui tenere in allenamento il fisico e la mente, per altri ancora è una guida educativa. IL VALORE EDUCATIVO DELLO SPORT. Nelle Società Sportive, il “buon esempio” deve venire dagli Istruttori, Allenatori e dai Dirigenti. Numerosi sono gli esempi di sportivi che purtroppo fanno uso di sostanze anabolizzanti per avere maggiori prestazioni, non tenendo conto di tutti gli effetti nocivi a carico della salute. Proprio a questo periodo possiamo assegnare le origini della parola, tino e che stava a significare “allontanarsi”, , uscire dalla città per andare a competere, sono riconducibili anche al periodo del Medioevo, dove da un semplice allenamento di guerra per i soldati, le. di 2465.09 (Medie Inferiori) scritto il 17.11.13. Sport educativo: con i bambini bisogna cominciare presto! Lo sport occupa un ruolo molto importante nella vita dei giovani: grazie ad esso si fanno nuove amicizie, si sfoga la rabbia, “si cresce”, si provano nuove sensazioni ed emozioni. 97562660585 | powered by Sandhills Italy srl Caro, vecchio, Totocalcio: così lo sport italiano aveva fatto “13”. «L’allenamento è educativo – ricorda l’arcivescovo –. Noi giovani dovremmo augurarci di vincere, e di superare prove esclusivamente con le nostre forze. Gioco e agonismo, pilastri dello sport educativo Chi pratica lo sport non sempre si cura di percepire a pieno i valori ed i significati di ciò che fa: si gioca perché piace giocare o perché si sente l’esigenza di competere, senza porsi tante domande. STORIA DELLO SPORT: RIASSUNTO. Tali obiettivi possono essere raggiunti grazie al nostro impegno e alla fiducia in noi stessi, significa assaporare una piacevole sensazione sia durante l’attività sia quando si è conclusa. esaltavano l’uomo e le sue capacità fisiche tramite competizioni che lo mettevano alla prova, modificando il modello greco, che pensava allo sport come arte sacra e trasformandolo in arte dello spettacolo fatta per intrattenere il pubblico. Il valore dello sport nell’educazione dei ragazzi Pubblicato il lunedì, 18 agosto 2014 da redazione Praticare uno sport non solo fa bene ( benissimo!) Purtroppo i giornali e le televisioni ci propongono spesso altri esempi negativi (gli sputi, le simulazioni dei falli, specialmente in area di rigore, le aggressioni fisiche e verbali, gli insulti e le parolacce dei giocatori verso gli avversari e l’arbitro, l’imbroglio, la frode sportiva e la corruzione, la violenza verbale e fisica dei tifosi negli stadi, il doping) e i giovani si adeguano e “copiano” questi esempi negativi. )sono diventate discipline aperte a tutti, in cui ci si poteva sfidare. Il primo passo per accettare la vittoria dell’avversario è congratularsi con lui e stringergli la mano. Molte persone pensano di possedere etica e cultura sportiva perché guardano lo sport alla televisione, vanno allo stadio, ogni tanto vanno a correre o a giocare al campetto, discutono di calcio e di sport al bar, leggono la Gazzetta dello Sport: questa non è cultura! Quali immagini vi propone la vostra mente? Il nostro saluto a Luigi Serra, il fotografo che sorrideva al tennis e alla vita, Gian Paolo Ormezzano: “Che odissea il Covid a 85 anni. L’U.E. Scivolano gli anni, mutano le generazioni, si sconvolgono gli Stati, i mezzi di comunicazione amplificano immagini di eventi negativi che negano il primato ai valori umani: eppure ci sono in molti Paesi esempi di fair-play, educazione sportiva e buoni esempi nello sport. Ah! Castellucci ricorda il valore educativo dello sport, «purché – avverte – venga praticato nel modo giusto». Lo sport, il suo valore educativo e i giovani d’oggi. ... Vi è un altro valore veicolato dallo sport: il valore della temperanza. Lo sport è considerato dai giovani una delle ruote più importanti dello sviluppo della vita; svolge un ruolo importantissimo nella formazione, nello sviluppo e nell’educazione, per molti è un opportunità con cui tenere in allenamento il fisico e la mente, per altri ancora è una guida educativa. Pensate alla parola sport. È un collante che unisce popoli e razze, lo sport va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfare, la difficoltà per vincerla. Il progetto EPALE ha scelto di occuparsi dello sport per la sua crescente rilevanza come strumento di educazione e formazione. E’ una delle quattro virtù “cardinali”: su tali virtù si basa un esercizio della libertà che voglia far fiorire la propria umanità e non devastarla. Con molta probabilità le prime immagini sono associate all'attività che praticate, al “vostro” sport. Attenti a quei due: Medvedev e Zverev hanno più assi di tutti! nel 1894 la Stanley Cup di hockey su ghiaccio, che premia la più forte squadra nordamericana (Usa e Canada insieme). ai tempi dell’uomo primitivo, che nelle caverne rappresentava con pitture e graffiti la caccia, , la corsa, il salto, il lancio, la lotta, Già nelle civiltà pre-classiche (Cina, Egitto, India, Persia,……), la lotta, la ginnastica, il pugilato, il nuoto, il ca, nottaggio, la pesca, l’atletica, la danza. Lo sport , l’Educazione e il buon esempio nello sport. Scivolano gli anni, mutano le generazioni, si sconvolgono gli Stati, i mezzi di comunicazione amplificano immagini di eventi negativi che negano il primato ai valori umani: eppure ci sono in molti Paesi esempi di fair-play, educazione sportiva e buoni esempi nello sport. Tutte e tre queste Agenzie Educative dovrebbero ogni tanto andare a scuola di Educazione, di agonismo, di etica, di buon esempio e di “Fair-play” e dovrebbero convogliare i loro sforzi verso il soggetto e non essere divergenti. Lo sport fa bene a grandi e piccini, ma per i più piccoli, al benessere, si aggiunge un altro elemento importante: il valore educativo. Da Maurizio Mondoni 18/08/2019. , il “buon esempio” deve venire dagli Istruttori, Allenatori e dai Dirigenti. Comitato per l’Associazione del M.E.C.S (Movimento per l’Etica e la Cultura nello Sport) Presidente del Movimento per l’Etica nello Sport, M.E.C.S. Con il ritorno allo studio dei classici e dell’amore all’antichità, si ritorna all’antica concezione dell’Educazione Fisica come elemento di sviluppo armonico dell’uomo. Lo sport deve insegnare a vincere e a perdere e perdere e migliorarsi è come aver vinto e riconoscere che l’altro è più forte, non significa abbassare il proprio livello di autostima. Il valore educativo dello sport. 12 mesi a contatto con lo Sport. , l’inglese Giovanni Locke, Rousseau con “l’Emilio”, verso la fine del ‘700 Basedow, Pestalozzu, Froebel, Spencer esaltarono nuovamente l’importanza dell’Educazione Fisica, l’indirizzo tedesco, la ginnastica svedese, l’Educazione Fisica francese con Amoros, Demolins, Demeny, Hèbert e poi lo sport inglese……..nato nel collegio di Rugby, presso Oxford, per opera di Thomas Arnold. ederazione è stata quella di ginnastica, costituita nel 1881. e competizioni sportive più vecchie (e ancora in svolgimento), ricordiamo la sida di canottaggio tra le Università di Oxford e Cambridge, avvenuta la prima volta nel 1829, poi, l’America’s Cup di vela, coppa messa in palio per celebrare la prima esposizione universa, ennistico di Wimbledon (Londra), nel 1882, (Le Ceneri), un torneo di cricket che si disp. Tra le competizioni sportive più vecchie (e ancora in svolgimento), ricordiamo la sida di canottaggio tra le Università di Oxford e Cambridge, avvenuta la prima volta nel 1829, poi l’America’s Cup di vela, coppa messa in palio per celebrare la prima esposizione universale di Londra nel 1851, nel 1872, andò in scena la F.A.C.C.